USA, comunicazione sanitaria da Oscar